PADI_logo_Hor_Rev_Trap_4C Centro PADI Roma Five Stars S-799448
Tuttisub  INFOLINE 
Venerdì, 30 Settembre 2022 18:38

La Citizen Science: un nuovo modo per aiutare la ricerca

Scritto da


Ciascuno di noi può giocare un ruolo importante nella tutela e conservazione dell’ambiente che ci circonda. In che modo vi starete chiedendo? Ad esempio partecipando attivamente a progetti di Citizen Science. Vediamo dunque di cosa si tratta.


DEFINIZIONE

La Citizen Science o “scienza del cittadino” è il coinvolgimento di cittadini volontari in attività di ricerca scientifica. Come tale ha dunque il potenziale per riunire gli scienziati, i decisori politici e la società nel suo insieme in modo efficace. Attraverso la Citizen Science, tutte le persone possono partecipare a molte delle fasi del processo scientifico, dalla progettazione della domanda di ricerca, alla raccolta dei dati e alla mappatura dei volontari, all'interpretazione e analisi dei dati e alla pubblicazione e diffusione dei risultati.


NASCITA E SVILUPPO DELLA CITIZEN SCIENCE

Le origini della Citizen Science risalgono al 1900, quando negli Usa la National Audubon Society, un’organizzazione senza scopo di lucro dedicata alla conservazione della natura, promosse una campagna per censire le popolazioni di volatili. Dal 14 dicembre al 5 gennaio di ogni anno, gli appassionati di ornitologia iniziarono così a riunirsi in gruppi e, sotto la guida di esperti, partecipare al censimento osservando e classificando le varie specie. Questa campagna rimane ancora oggi uno degli eventi più popolari per i birdwatcher (Fig. 2). I progetti di Citizen Science nel tempo hanno ricoperto una innumerevole varietà di aree, dall'astronomia alla sismologia, dal monitoraggio dell'inquinamento acustico al controllo della diffusione di malattie infettive, della distribuzione di specie autoctone e di specie aliene nel nostro mare (Per sapere di più su quest’ultimo argomento, ecco qui un nostro articolo al riguardo).


Immagine 2

Figura 1: I membri della Kinney Family Reunion partecipano a un'attività di Citizen Science e scoprono la storia di Longmire con il ranger Kevin Bacher.

La Citizen Science è quindi uno strumento potente e popolare che ha preso piede negli ultimi decenni.

LA “SCIENZA DEI CITTADINI” PER LA TUTELA DEL MARE

Applicata all’ambiente marino rappresenta una strada promettente per migliorare l’impegno nella conservazione, aumentare la consapevolezza dei cittadini sullo stato di salute degli oceani e fornire loro informazioni sull’inquinamento e sullo stato di conservazione di alcune specie. Nel mar Mediterraneo, ad esempio, le invasioni biologiche costituiscono una seria minaccia: l'uso combinato della scienza dei cittadini e delle reti sociali ha amplificato i risultati ottenuti attraverso le attività di ricerca tradizionali, consentendo frequentemente la registrazione di specie che altrimenti sarebbero passate inosservate. Grazie alla Citizen Science, ad esempio, sono state raccolte tante osservazioni di mammiferi marini (Non conosci la cetofauna del Mare Nostrum? Ecco qui un articolo al riguardo).

La subacuea al servizio della scienza

I subacquei in particolare possono giocare un ruolo importante come partecipanti alla Citizen Science, perché hanno la passione, l’energia e le abilità per documentare ciò che è nascosto agli occhi della maggior parte del pubblico.


Immagine 3

Figura 2: Due subacquei ricreativi che annotano le osservazioni appena fatte.


Come scuola di subacquea, noi di TuttiSub ci impegniamo attivamente nella salvaguardia del Mare Nostrum in diversi modi:

  • Tra le nostre proposte, il corso PADI/DAN Basic Research Diver e Operator, ad esempio, si rivolge a tutti quei subacquei e apneisti che desiderano partecipare in maniera attiva alla ricerca imparando a registrare i dati sulle immersioni effettuate in modo preciso ed efficiente e inoltrarle poi per scopi scientifici presso Il Project AWARE e il DAN Europe Research and Innovation.
  • Organizziamo, inoltre, giornate di formazione Project Aware sulla tutela ambientale. La PADI AWARE Foundation, infatti, promuove la nostra visione per un ritorno a un oceano pulito e sano, allineando strategicamente l'azione della comunità con il cambiamento delle politiche. Scaricando, ad esempio, l'app gratuita PADI AWARE Foundation si possono registrare i detriti marini trovati durante ogni immersione Dive Against Debris o durante una semplice passeggiata sulla spiaggia.
  • Infine, attraverso il progetto Ocean Literacy di PADI (ex Scuola d’Amare), ci occupiamo di educazione ambientale nelle scuole secondarie di primo e secondo grado.

Immagine 4

Figura 3: La scuola Tuttisub si impegna da anni nel formare subacquei responsabili e attenti all’ambiente attraverso il corso di specialità Project Aware.

Danna Moore, direttore delle operazioni globali per Project AWARE, dice:

I prossimi dieci anni saranno fondamentali per ottenere una trasformazione per salvare il nostro oceano. Il mondo naturale sta affrontando una grave crisi ma, attraverso le sempre più numerose iniziative guidate dalle comunità e un approccio più forte alla mobilitazione della comunità subacquea, siamo pronti a creare un cambiamento e fare la differenza, sia a livello locale che mondiale.”





SITOGRAFIA E BIBLIOGRAFIA

https://eu-citizen.science/

www.biopills.net

www.focus.it

www.diveagainstdebris.org

Langeneck, J., Minasidis, V., Doumpas, N., Giovos, I., Kaminas, A., Kleitou, P., & Crocetta, F. (2022). Citizen Science Helps in Tracking the Range Expansions of Non-Indigenous and Neo-Native Species in Greece and Cyprus (Eastern Mediterranean Sea). Journal of Marine Science and Engineering, 10(2), 256.

Levontin L, Gilad Z, Shuster B, Chako S, Land-Zandstra A, Lavie-Alon N, etal. Standardizing the Assessment of Citizen Scientists’ Motivations: A Motivational Goal-Based Approach. Citizen Science: Theory and Practice. 2022;7(1):25. DOI: http://doi.org/10.5334/cstp.459.

Letto 649 volte Ultima modifica il Lunedì, 27 Febbraio 2023 11:04
Roberta Monti

Biologa Marina

Con l'uso di questo sito, si accetta il nostro utilizzo dei cookie.
NON raccogliamo dati di proliferazione a fini promozionali.